Curiosità
DA MANDRAKE ALL’OSCAR DELLA MAGIA

Mandrake il mago, il fumetto ideato da Lee Falk e disegnato da Phil Davis, fece il suo esordio nelle strisce a fumetti dei quotidiani statunitensi l’11 giugno del 1934. In poco tempo il fascino di questo eroe magico fece il giro del mondo e nel tempo ha influenzato molti altri campi artistici.

Chi è Mandrake?

Nelle sue rocambolesche avventure, il mago invincibile è sempre accompagnato dal suo fedele assistente Lothar, gigantesco africano originario della Nubia. I poteri di questo mago sembrano illimitati fino agli anni 30, quando Falk decide di ridurre le capacità di Mandrake, trasformandolo in un semplice illusionista e ipnotizzatore. Il personaggio viene disegnato con le fattezze dello stesso Falk, ma in realtà esso trae ispirazione da un mago realmente esistito: Leon Mandrake, illusionista italo-americano (1911-1993)

Mandrake, con più di cinquant’anni di carriera alle spalle, conserva sempre il suo perfetto stile da mago europeo dell’ottocento: frac con mantellina e cappello a cilindro. Grazie alla sua intelligenza, risolvere intricate indagini, spesso in soccorso di giovani fanciulle in pericolo.

In Italia apparve per la prima volta il 20 gennaio 1935, all’interno del settimanale a fumetti L’Avventuroso, con una storia intitolata Mandrake, l’uomo del mistero. Al personaggio, in Italia, venne anche dedicata una rivista cui ha collaborato alle copertine, tra gli altri, il grande illustratore ed autore di fumetti Guido Buzzelli.

Tra i le esperienze cinematografiche di questo mago formidabile, la più famosa è il serial “Mandrake the Magician” della Columbia Pictures (1939), in 12 puntate. Sono infiniti i progetti mai realizzati, incentrati su questo personaggio: anche Fellini aveva pensato ad un film su Mandrake, che avrebbe visto Mastroianni nei panni dell’illusionista. I riferimenti e le citazioni che riguardano Mandrake sono molte, una famosa riguarda il film “il dottor Stranamore”, in cui compare un personaggio che Stanley Kubrick chiama volutamente Lionel Mandrake .

La fama di quest’eroe in frac e cilindro non morirà mai, tant’è che oggi l’Osca annuale della magia porta il suo nome ( Mandrake d’Or) ed è consegnato dalla prestigiosa Académie française des illusionnistes di Parigi; e i Disguido hanno conquistato l’importante premio, lo scorso 7 ottobre 2013.

Gallery

I Disguido al Festival del Cinema di Venezia

Si è conclusa la 71 edizione del Festival del Cinema di Venezia. Nel 2012 i Disguido, illusionisti attori e trasformisti, hanno partecipato al Festival del Cinema di Venezia con lo spettacolo “Il Cinema nel Cappello, Chapeau Cinema”.  Guarda il video  
Un’esperienza importantissima per i Disguido che hanno portato uno spettacolo sul Cinema proprio al Festival di Venezia. Si sono esibiti di fronte a grandi attori del cinema italiano ed internazionale nella splendida cornice del Casinò di Venezia, Ca’ Vendramin Calergi e il pubblico entusiasta ha apprezzato moltissimo lo spettacolo di Magia a Venezia dedicato al Festival!

Gallery